Bigattiera

blog per i diritti dei bambini e delle bambine del campo della Bigattiera – Pisa

IL SINDACO FIRMA L’ORDINANZA PER LO SGOMBERO DELLA BIGATTIERA

Le nostre preoccupazioni si sono rilevate fondate.

Il sindaco Filippeschi ha firmato l’ordinanza di sgombero della Bigattiera, che verrà eseguita nei primi giorni della prossima settimana. Decine e decine di minori si troveranno con le loro famiglie in mezzo ad una strada senza che il Comune abbia avanzato una proposta alternativa per tutte le famiglie. Bambine e bambini che da pochi giorni hanno iniziato la scuola, verranno scacciati per la sola colpa di esistere. Il Comune di Pisa ha staccato da tempo l’acqua al campo benché il consiglio comunale si fosse poi impegnato con una mozione a ripristinarla, ma l’amministrazione comunale non ha mai dato seguito a quell’impegno.

Ora capiamo perché.

A pochi giorni dalla messa in atto di una procedura di sgombero voluta, dichiarata e usata a fini elettorali da questa amministrazione la constatazione di problematiche sanitarie relative alla assenza di allaccio idrico diviene la goccia che fa precipitare la situazione.

Chi non rispetta oggi la legalità è il Comune di Pisa che sta violando le più elementari convenzioni internazionali.

Sarà bene allora ricordare che i rom della Bigattiera abitano a Pisa da più di vent’anni, e che gran parte dei loro figli sono nati, vissuti e cresciuti qui. L’assenza di un permesso di soggiorno non dipende dalla volontà di essere “clandestini” né dall’intenzione di violare la legge: al contrario, proprio le condizioni di emarginazione abitativa, e la mancanza di un lavoro regolare, hanno man mano sospinto queste famiglie nell’irregolarità amministrativa. Con un classico circolo vizioso, dunque, si pensa oggi di punire la presunta “illegalità” che il Comune stesso ha contribuito ad alimentare, con le sue politiche di esclusione abitativa.

A proposito di “legalità” – paroletta magica che l’amministrazione usa troppo spesso a sproposito – dobbiamo ancora una volta sottolineare che gli sgomberi forzati violano la normativa ONU: precise Convenzioni internazionali vietano lo sgombero in assenza di soluzioni alternative, a prescindere dalla condizione giuridica degli abitanti (cioè dal possesso di un permesso di soggiorno), e dalla titolarità di diritti sul terreno occupato (cioè dall’eventuale carattere “abusivo” del campo). A ciò si deve aggiungere che, due anni fa, il Consiglio Comunale aveva approvato una mozione che chiedeva di ripristinare acqua, luce e scuolabus per il Campo della Bigattiera, nonché di individuare percorsi di inserimento abitativo. Da allora nulla è stato fatto: niente acqua, niente luce, niente scuolabus, nessun progetto di superamento del campo.

Invitiamo associazioni, movimenti, organizzazioni politiche e sindacali, gli insegnanti delle scuole a mobilitarsi contro l’ordinanza del sindaco, perché venga immediatamente ritirata. Il “superamento” dei campi è auspicabile da tutti, ma si deve perseguire questo importante obiettivo nel rispetto dei diritti di tutte queste famiglie e dei bambini presenti.

Da parte nostra saremo al fianco delle famiglie, per impedire questa ennesima ingiustizia.

Pisa, 26 settembre 2015
Progetto Rebedlia/Africa Insieme

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 settembre 2015 da .

Contatti

e-mail: appellobigattiera (at) gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: