Bigattiera

blog per i diritti dei bambini e delle bambine del campo della Bigattiera – Pisa

“Violazioni gravissime che non possono essere ignorate” Vanna Cercenà

Ho letto con molto interesse il vostro blog e mi è sembrato di rivivere momenti della mia vita, quando alla fine degli anni ‘80 ero impegnata a far frequentare ai bambini Rom dei campi dell’Olmatello e del Poderaccio le scuole del Comune di Firenze. I problemi erano tanti e i risultati pochi, però devo dire che in modo faticoso e complicato i pulmini per il trasporto furono organizzati dal comune e alcune scuole, soprattutto nella zona dell’Isolotto, si resero disponibili ad accogliere questi alunni.

Non posso credere oggi che il Comune di Pisa ponga ostacoli come è successo lo scorso anno al trasporto a scuola dei bambini e delle bambine del campo della Bigattiera. Da poco sono aperte le scuole e ho cercato nel blog qualche notizia su quello che accadrà nei prossimi giorni; voglio sperare che non si ripeta anche quest’anno la gravissima violazione dell’art. 28 della “Convenzione dei diritti dell’infanzia” delle Nazioni Unite, approvati anche dal parlamento italiano, che impegna gli Stati aderenti ad assicurare ai bambini e alle bambine il diritto all’istruzione, rendendo l’insegnamento primario obbligatorio e gratuito per tutti.

L’altro bisogno primario è quello dell’acqua, di cui non può essere privato nessun essere umano e in particolare i bambini e le bambine. In questo caso non sarebbe loro garantito un livello di vita che li faccia crescere fisicamente, intellettualmente, spiritualmente e socialmente, come prescrive l’art. 27 della Convenzione dei diritti dell’infanzia.

Credo che queste siano violazioni gravissime che non possono essere ignorate da chi magari denuncia il genitori perché non ottemperano all’obbligo scolastico.

Ripeto, non sono al corrente di come sia attualmente la situazione e mi auguro che il Comune di Pisa dia piena attuazione alla Convenzione dei Diritti dell’infanzia per tutti i bambini e le bambine del suo territorio, a qualsiasi etnia e gruppo familiare appartengano.

Vanna Cercenà

Vanna Cercenà è scrittrice per ragazzi ed ex-insegnante. Ha pubblicato con molte case editrici fra cui Fatatrac, Einaudi ragazzi, EL, Manni, Lapis. Ha fatto parte di un gruppo di autori con cui ha contribuito alla stesura di testi sull’educazione alla intercultura tra cui : “Cici Daci Dom” – Incontro con i bambini Rom e “La casa del sole e della luna”- I Rom, un popolo che viene da lontano pubblicari nella collana “Tu non sai chi sono io” – Fatatrac.
E’ promotrice del gruppo Writers with children, un gruppo di scrittori che promuove il diritto automatico alla cittadinanza per tutti i bambini e ragazzi che nascono o vivono in questo paese, anche se di “origine straniera”.

www.vannacercena.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 ottobre 2014 da .

Contatti

e-mail: appellobigattiera (at) gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: