Bigattiera

blog per i diritti dei bambini e delle bambine del campo della Bigattiera – Pisa

“La Convenzione vale anche per loro” Francesco Tonucci

Fra pochi giorni si celebreranno nel mondo i 25 anni della Convenzione di diritti dell’infanzia approvata dalle Nazioni Unite il 20 novembre del 1989 e assunta dall’Italia nel 1991. Dopo 25 anni quella solenne promessa, che doveva cambiare la vita di tutti i bambini è rimasta sostanzialmente sconosciuta e quindi inattuata.

Non conosco la Bigattiera, ma i bambini che vivono in quel campo sono titolari dei diritti previsti dalla Convenzione come tutti i bambini e anche per loro vale per esempio l’articolo 3 che promette solennemente che l’interesse del bambino è da considerarsi sempre superiore. Superiore significa che non ci sono ragioni che possano impedire di tenerne conto e di soddisfarlo. Se i bambini di quel campo hanno bisogno di acqua, luce e pulmini per andare a scuola, queste risorse debbono essere date, subito, perché l’interesse dei bambini è superiore. Poi si potranno fare tutte le considerazioni del caso, ma dopo, non prima.

Vorrei ricordare alle autorità pisane l’articolo 12 della Convenzione, che dice che i bambini hanno diritto ad esprimere il loro parere ogni volta che si prendono decisioni che li riguardino e che le loro opinioni debbono essere tenute in conto. Questa è una legge dello Stato italiano. Sarebbe opportuno oltre che obbligatorio andare a Bigattiera, incontrare i bambini, ascoltare la loro voce e le loro richieste. È probabile che abbiano bisogno anche di altro oltre che acqua, luce e pulmino.

Francesco Tonucci

Francesco Tonucci è ricercatore associato presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). Ha fondato nel 1991 presso l’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, il Progetto internazionale La città dei bambini, attraverso il quale si propone di dare voce ai bambini e alle bambine perché possano esprimere i propri bisogni e reclamare i propri diritti. Ha collaborato con diversi comuni di grandi città italiane, europee e latinoamericane per lo sviluppo di politiche educative partecipate. Ha scritto numerosi libri di pedagogia tra cui “La valutazione come lettura dell’esperienza”, Il Mulino e “La città dei bambini”, Laterza. Con lo pseudonimo Frato è anche disegnatore conosciuto e apprezzato nel mondo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21 settembre 2014 da .

Contatti

e-mail: appellobigattiera (at) gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: